Achille Funi nasce a Ferrara il 26 febbraio 1890, fu professore nell’Accademia di Brera e pittore di fama; prima esponente del futurismo, aderì, poi, nel 1922, al gruppo del Novecento italiano con Dudreville, Malerba,Bucci, Marussig, Oppi e Sironi. Il movimento costituito per iniziativa di Margherita Sarfatti, influente critica d’arte e animatrice della scena artistica italiana di inizio secolo, mirava ad affermare valori stilistici e ideologici legati a una concezione dell’arte fondata su basi di solida plasticità classica e su una visione della realtà concretamente definita e formalmente “limpida”.