Luigi Minguzzi vive e lavora a Ravenna.
Il suo interesse per la pittura inizia a metà degli anni sessanta. La sua formazione scolastica è di tipo tecnico -scientifico e consegue la laurea in fisica.
Durante il periodo universitario la sua pittura evolve significativamente verso il movimento “optical” che interpreta con una tecnica del tutto originale.
Terminati gli studi, si dedica principalmente ad attività connesse alla laurea conseguita, lasciando temporaneamente la pittura in secondo piano.
Nel 1977 vince un concorso della Pubblica Amministrazione per un posto di Fisico addetto al controllo dell’inquinamento atmosferico e, per cinque anni, si dedica allo sviluppo di questo servizio.
Nel 1982 cambia attività e diventa imprenditore con un’azienda che si occupava di bonifiche ambientali, regimazioni idrauliche e lavori sottomarini.
Nel 1987 è amministratore delegato di una società di armamento, proprietaria di un’ importante flotta per il trasporto di prodotti petroliferi.
Nel 1992 lavora alla progettazione e alla realizzazione di un grande Terminal portuale, che inizia l’attività operativa nel 1994, e di cui è direttore fino al 2009.
Durante questi anni la produzione di dipinti diminuisce, ma la passione per la pittura rimane intatta e Minguzzi si dedica alla sperimentazione di nuove tecniche.